Recent Posts

Please reload

Follow Us

  • Facebook Classic
  • Twitter Classic
  • Google Classic

WORK IN PROGRESS [∅∩C]

January 26, 2017

 

è nato da improvvisazioni fisiche che hanno trovato un ordine e una scrittura drammaturgica nella ripetizione, in maniera organica.

 

Metamorphosis, “I am You”, the autoliberation of the human consciousness,

the childlike view and the hope for the future.

Technical Requirements:
Optimal version: 6x6 mt dance floor, lighting: top central light white, frontal light, blackbox or white/gray box.

Description:

Research on the “Oltreuomo” the “Overman” the man in between the beast and the superman, a cable over the abyss. The greatness of the human being is a bridge and not a goal: of a man we can love the fact that he is a transition and a sunset.
In “Also Spracht Zarathustra” the theme is the autoliberation of the human consciousness. The “camel” is the symbol of the man that obey God’s law, and he desires this condition. The “lion” rebels to the moral and he defeat the great dragon, he renounces to all the illusions to claim the “I Want” that permit him to free himself though, just from old values. Is then the moment of the young boy, and it’s his turn to re-build the new world, with his spontaneous and Dionys.

 

 (“L’uomo è un cavo teso tra la bestia e il superuomo, - un cavo al di sopra di un abisso. [...] La grandezza dell’uomo è di essere un ponte e non uno scopo: nell’uomo si può amare che egli sia una transizione e un tramonto”) tre metamorfosi dello spirito, che disegnano il percorso di autoliberazione della coscienza umana. Al “cammello”, simbolo dell’uomo che obbedisce a Dio ed anzi desidera questa sottomissione ubbidiente, subentra, nel deserto, il "leone" che si ribella alla morale e sconfigge il “grande drago” della morale vigente, rinunciando alle illusioni consolatorie della fede e rivendicando con forza il proprio Io voglio, che tuttavia gli permette solo la negazione dei vecchi valori (e cioè, la pars destruens della filosofia nietzschiana). Tocca allora al “fanciullo” costruire un nuovo mondo con la sua spontanea (e dionisiaca...) accettazione della vita, prefigurando un’umanità nuova che è sopravvissuta alla morte di Dio:

“Ma ditemi, fratelli, che cosa sa fare il fanciullo, che neppure il leone era in grado di fare? Perché il leone rapace deve anche diventare un fanciullo?
Innocenza è il fanciullo e oblio, un nuovo inizio, un giuoco, una ruota ruotante da sola, un primo moto un sacro dire di sì. [...] Tre metamorfosi vi ho nominato dello spirito: come lo spirito divenne cammello, leone il cammello, e infine il leone fanciullo.”

we confirm our own identity as individuals and as members of a group, ethnicity or class or as part of a culture or religious creed by distinguishing us from something/someone else, i.e. the Other. But why, when and where do those feelings come up and how do we actually deal with them? What are the typical features of our response? What exactly causes this feeling of alienation?

 

Please reload

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now